Archive for the ‘Blog’ Category

Cambio di residenza

Una decina di giorni fa ne avevo parlato con Artemisia.
Questo blog chiude, o meglio si sposta, da qui ad un dominio mio.
Perchè?
Già una volta ho cambiato in questa maniera: il mio primo blog, il Laboratorio Alchemico, lo abbandonai per aprire questo, in quel momento presi quella decisione perchè volevo chiudere con un certo periodo, con parole che non sentivo più mie, Hertz è stato sì la continuazione del Laboratorio, ma ha anche significato una rottura con esso.
Questa volta il motivo è differente, mi sposto e porto con me tutto quello che c’era in questo blog, perchè voglio continuare su questa strada, ma cambio posto perchè ho bisogno di uno spazio che possa costruire tutto da me.
Per questo nasce Shibumi.

Spero avrete ancora voglia di leggermi, vi aspetto presto su Shibumi.

Cos’è un Blog?

Aspetta Aspetta!
Non sai cos’è un blog?
No? No?!
Dico, ma dove vivi?
Va bene, cerco di spiegartelo vuoi?Userò parole semplici, anche un barbaro cavernicolo come te riuscirà a capire.
No no, dove cerchi di andare? Siediti qui e ascolta. Anzi leggi.
Sì, che i blog son cose da leggere, da leggere, da osservare e perfino da ascoltare.
Tu, si tu, potresti aprirne uno, e con più o meno intelligenza riempirlo di qualsiasi cosa ti passi per la testa.
Perchè dovresti farlo? Questa è una buona domanda, mi stupisco che l’abbia fatta tu. Come sarebbe a dire che non hai fatto nessuna domanda? Oh…
Tralasciamo queste inezie e continuiamo: perchè dovresti farlo?
Perchè il blog è comunicazione.
A differenza dello stare rinchiuso nella tua cameretta a costruire modellini di antichi aquiloni cinesi , nell’isolamento quasi totale della tua, seppur interessante, un po’ sconosciuta passione, potresti aprire un blog, e parlarne, e parlandone, potresti conoscere persone che hanno i tuoi stessi interessi, che come te, impazziscono per trovare la perfetta colla acrilica, o le asticelle in carbonio più leggere e resistenti. Oppure potresti solo scoprire di saper riuscire a far interessare altra gente alle tue passioni.
Capisci? Il blog è comunicazione interattiva, altre persone ti ascolteranno, ti risponderanno, interagiranno con te in vari modi: commentandoti, litigando, adulandoti, incoraggiandoti e spammandoti, e in tutti i modi della comunicazione possibile.
Io questo penso, ci ho ragionato un bel po’, e mi rendo conto che non sia il pensiero più intelligente del mondo, ma è quello di cui sono convinto.
Il blog è comunicazione.
Un buon blog è buona comunicazione, cattiva comunicazione fa un cattivo blog.
Ecco, ora che sai come la penso puoi andare, tu sei un po’ meno barbaro, si fa per dire, e io ho assolto al mio compito di blogger divulgatore.
Ciao ciao, alla prossima.

 
L’idea di un meme divulgativo del blog, nasce da Luca DeBiase, io ne vengo a conoscenza grazie a Pastamista e PiùBlog.

Technorati Tags: , ,

Cinque segreti.

Volete sapere cinque cose che non vi avevo detto di me? No? E’ uguale, oramai il post lo sto’ scrivendo.

Questo devo dirvelo, è un po’ che volevo farlo, dietro questa facciata da pseudo-intellettualoide, si nasconde un otaku.
Sì, divoro fumetti, e cartoni. Sopratutto giapponesi, ma anche cose di casa nostra.

Un’altra cosa che mi pare importante dirvi è che non mangio formaggi, di nessun genere, esclusa la mozzarella sulla pizza. Poi la pizza mi fa sentir male, mi si gonfia la pancia e un sacco di altri effetti collaterali, però me la mangio lo stesso. Con la mozzarella sopra, che è l’unico formaggio che mangio.

E’ giusto poi informarvi che pressoché quotidianamente ingaggio lotte serrato contro mio fratello. Non sono liti e non sono a parole. Lottiamo, per il gusto di farlo. Questo da anni. Il fatto che anche lui abbia incominciato da un pò, come io faccio da anni, a praticare judo, non ha migliorato la situazione. Ce le diamo il doppio. Sta diventando molto forte, devo stare attento…

Ne parlavo giusto stamattina con Artemisia: non è che abbia tutti questi stravizi, perciò è normale che l’unica volta che mi sia ubriacato veramente, che mi sia addormentato ubriaco prima in una macchina dove nessuno riusciva a trovarmi, e poi in un bagno, dove ancora nessuno riusciva a trovarmi, è stato per una ragazza.

Per la stessa ragazza poi, ho perso un’intera sessione di esami.

Dovete lo svelamento di questi enormi segreti a Pastamista, che probabilmente non sapeva del mio vizio di stramaledire chiunque cerchi di coinvolgermi in catene e simili.
Non maledico questa volta, no. Perché? Andate sul suo blog e leggete la storia del vitello.

Un altra cosa, non mi sto dimenticando, non ho alcuna intenzione di passare a nessuno questa cosa.

Technorati Tags:

Sondaggio per, magari, riflettere

Cercando di capire.

Qui vi elenco i miei racconti, che chi mi segue da un pò avrà già letto, per chiedervi collaborazione: quali sono i tre racconti, in ordine di gradimento, che più vi sono piaciuti? Qual’è, al contrario, quello che avreste proprio bruciato?

Questo piccolo sondaggio, spero, mi aiuterà a fare mente locale su ciò che vi piace, sui vostri gusti, e su ciò che mi riesce meglio e peggio.

La congiura; Dolci confini; Colloquio di lavoro;

Il riflesso; Il doppione; Il prossimo vino;

Antidoto; Il minotauro; Sembra semplice;

Respiro; Non c’erano assolutamente occhi; Il ladro di mondi;

Storie di mondi; Pesci tropicali; Il Tempio;

Lontananze che s’avvicinano; La stanza e la fessura; Foglie;

L’epistola; Nella grotta; InizioFineInizioFine;

La medesima cosa

Posso iniziare io, le mie preferenze vanno a: Antidoto, Il Tempio, Il prossimo vino; il racconto che non vorrei aver mai scritto invece è Il riflesso.

[Update]: Il sondaggio no ha avuto molta fortuna, pubblico comunque i risultati:

Primo posto, pari merito: Respiro, Il Tempio

Secondo posto: Antidoto

Terzo posto, sempre pari posto: Il Minotauro, Non c’erano assolutamente occhi.

Il sondaggio però è comunque ancora aperto, i risultati che ho ottenuto da così pochi voti mi sono poco utili, rignrazio comunque chi ha gentilmente partecipato.

Lavori in corso

Sto’ ristrutturando qua e la il blog.
Ho notato che visualizzandolo con il browser Firefox, appare normalmente e non ci sono problemi. Usando Internet Explorer invece di problemi ce ne sono, la sidebar sparisce dal suo giusto posto (a destra), per ricomparire in disordine in basso a sinistra.


Vi chiedo perciò se avete un po’ di tempo di farvi un giretto, cliccare sui vari link, e bottoni, insomma testarlo un po’ e poi dirmi se anche voi avete trovato qualcosa che non va, o anche solo qualcosa che non vi piace.

Io intanto provo a rimediare, anche se ho poche speranze…

[ Update ]: Il problema dovrebbe ora essere risolto, vi invito comunque a segnalarmi altre cose che non vanno. Se avete poi suggerimenti, riflessioni, commenti, critiche, sulla nuova grafica ditemi pure.

Approfitto per fare a tutti gli Auguri di Buon 2007!

Giochi e delitti

Per la strana blogosfera, impazza un nuovo gioco, in realtà di gioco non si tratta, ma di una semplice catena.
Io personalmente maledico sette volte, in sette lingue diverse, chiunque mi inviti a partecipare a una di queste cose, però, sarà che mi chiama in causa Artemisia, sarà che un senso questo giochino ce l’ha, questa volta lo faccio, ma cambio un po’ le regole.

Vado a pagina 123 del libro più vicino a me, che è anche il libro che sfoglio in questi giorni, riporto le prime cinque frasi, o forse qualcosa di più:

“Quando anche la sesta vacca era caduta emettendo il suo muggito di morte, ai piedi del Re, nel cortile apparve Eichbaum con solo la biancheria intima che gli domandò:-A cosa ti gioverà tutto questo, Benya?-
-Se non ho i miei soldi, Monsieur Eichbaum, non avrete le vostre vacche.E’ così semplice.-
-Vieni dentro, Benya-
E trovarono un accordo. Le vacche massacrate furono divise equamente fra di loro e a Eichbaum venne garantita l’integrità dei suoi possedimenti persino con una garanzia scritta con tanto di sigillo. Ma la meraviglia giunse in seguito. [….]”

Il libro è una raccolta di racconti noir, Delitti d’autore, il racconto da cui è estratto il passaggio e Il Re di Isaac Babel.
Me lo hanno regalato, lo avrebbero buttato, invece io vi ho scoperto alcune perle.

Qui cambio la regola, non passo a nessuno il testimone, mi dispiace.

-Avete notato come questi giochini si ripresentino a ondate misteriosamente regolari?-



Nuovi scaffali

Ho messo un po’ d’ordine nel mio monolocale, ed ecco là che salta fuori qualche scaffale.
Qui, ho messo i libri ultimamente letti, di qua ho messo i miei cd, e in quest’angolo ci sono i film. invece ci sono i feed, come cosa sono? Informatevi! Anzi informatizzatevi se non lo sapete!

Aggiornerò e tenterò di tenere in ordine questi angolini, e magari potreste consigliarmi anche voi sul prossimo libro da leggere, il prossimo cd d’ascoltare o film da vedere; anche il prossimo feed da inserire nel lettore, si, anche quello.

Dinosauri

L’ho detto mai che da piccolo, volevo fare il paleontologo?
Prima di Jurassic Park, prima della moda, io ero lì che mi guardavo tutti questi lucertoloni preistorici.
Vi dirò, quando scelsi il liceo scientifico, contrariamente a saggi consigli che m’indicavano il classico, lo feci segretamente ancora influenzato da quel sogno.
Ora, il punto è che ieri sera pensavo: fra qualche centinaio di anni, forse più, c’è la possibilità che i dinosauri saremo noi.
Non è chiaro vero?
Spiego: dinosauri del web.
Che noi siamo una nuova razza, mutante, prima di noi, prima dei blog, internet non era così, per nulla. Siamo l’inizio di un’evoluzione.
Cioè, l’evoluzione è incominciata da un po’, però sapete come vanno queste cose, ci mettono un po’ per operare cambiamenti permanenti, perciò noi possiamo considerarci come dei pionieri.
E un giorno saremo dinosauri.
Stuoli di archeologi, antropologi, paleontologi del web, seguiranno le nostre orme, le nostre web log, per capirci, per capire l’evoluzione.
Intanto c’è chi comincia fotografando la blogosfera.

Dite che è campata per aria come ipotesi?
Come posso darvi torto.

Technorati Tags: , , ,

Proposta di progetto

Pensavo che insieme potremmo metter sù un progetto, un esperimento, un qualcosa, collaborare insomma.

Chi fosse pur minimamente interessato si faccia sentire, insieme s’organizzerà.

[ EDIT ]: Visto che chiedete – giustamente – più informazioni vi dico qual’è l’idea in linee generali. Un blog di gruppo, con un’impronta marcatamente web2.0, con possibile annessione di wiki – l’idea di un bliki, blog-wiki, m’alletta ma le piattaforme in circolazione hanno ancora molti ostacoli da superare -. L’argomento, ma preferirei dire gli argomenti, del blog saranno poi discussi fra chi deciderà di partecipare. Il resto è tutto ancora da decidere, e se ne potrà – e dorvà – discutere.

Queste le idee generali, con possibilità di cambiamento, riflessione, modifica ecc, nel caso pervengano proposte, opinioni, stimoli – che saranno ben accetti -.

[ AGGIORNAMENTO ]: Dopo una discussione con Henry si sono definite alcune cose:

– Sarà un bliki, un blog-wiki, sarà a più mani (quante sarà poi da decidere), sarà un racconto su più livelli ( narrativi, stilistici, ecc ).

Queste semplici precisazioni delimitano un bel pò il campo e benchè tutto possa ancora cambiare mi sembra un buon punto di partenza

[ AGGIORNAMENTO 2 ] : Chi fosse realmente interessato prenda contatto con me tramite mail all’indirizzo Hertz.log@gmail.com